Matteo Vacca, “Bugie”

Bugie è uno spettacolo ambientato in un emittente radiofonica, dove i due conduttori devono intrattenere i pochi ascoltatori sintonizzati la sera della vigilia di Natale sulle frequenze di Green Dimension Sound. I due conduttori di Due di notte sono Leo Battaglia, simpatico ed inaffidabile quarantenne affetto da ludopatia, e Vania Martini, spigliata dj, indubbiamente più giudiziosa rispetto al collega, ma anche piuttosto scombinata quando si parla di vita sentimentale, guastata da una concezione fin troppo romantica del rapporto di coppia.

Bugie è in scena al Teatro Martinitt di Milano fino all’8 gennaio. Scritto da Massimiliano Bruno e Sergio Zecca e diretto da Marco Simeoli, lo spettacolo vede protagonisti Matteo Vacca e Morgana Giovannetti.

Intervista a Matteo Vacca

Quali sono le sfaccettature caratteriali di questa coppia?

E’ una coppia molto particolare. Lui è un giocatore di cavalli e scommesse incallito, inaffidabile e bugiardo. Lei è una ragazza dolce ma allo stesso tempo con delle ombre e dei segreti, soprattutto in quest’amicizia che è diventata tale perché i due sono anche stati insieme fino a sei mesi prima.

Perché gli ascoltatori della radio sono individui piuttosto improbabili?

Perché ci troviamo a condurre questo show la notte di Natale. La trasmissione va in onda dalle 22 della vigilia fino alle 2 di notte del 25. In quella fascia oraria effettivamente poca gente sta ad ascoltare la radio, se non persone sole o che hanno voglia di un protagonismo un po’ particolare.

Quali sono le paure dei due protagonisti?

Che vengano svelate le verità nascoste e le tante bugie che si sono detti prima, quando stavano ancora insieme e che si dicono ancora oggi che sono rimasti colleghi e amici. Ognuno fa infatti affidamento sull’altro, anche se uno dei due è totalmente inaffidabile anche sul lavoro. Questo ci fa però capire che c’è un grande affetto che li lega ancora. Ci sono però delle bugie piccole e alcune molto importanti che verranno di volta in volta svelate nel corso dello spettacolo. E’ un rapporto che viaggia su due binari paralleli un po’ particolari, anche perché soprattutto lei ha un segreto da svelare a lui. Leo è difatti ancora molto innamorato di lei perché è lei che l’ha lasciato.

La trasmissione che i due conducono è lo specchio del modo in cui vivono le proprie vite?

In un certo senso sì, perché di fatto, oltre ad avere ascoltatori improbabili che chiamano in diretta, alcune rubriche previste durante la trasmissione inevitabilmente saltano, perché prevedono ospiti particolari più o meno famosi, che ovviamente gli daranno buca perché saranno alla cena di Natale e loro si trovano costretti a rimediare in corsa a cambi di scaletta della trasmissione, con imprevisti non assolutamente prevedibili. Devono quindi correre a trovare soluzioni alternative. Saranno a volte loro stessi a fare l’imitazione dei personaggi più o meno noti o a curare delle rubriche che invece prevedevano ospiti esterni, quindi la trasmissione è molto rocambolesca. Loro due sono però molto abili a districarsi all’interno di tutti gli imprevisti che si vengono a generare.

  • Intervista di Andrea Simone
  • Si ringrazia Federica Zanini
  • Clicca QUI per iscriverti al canale Youtube di Teatro.Online e vedere le nostre interviste video